La Vita è Bella

La Vita è Bella

Seconda guerra mondiale. Guido, sua moglie Dora e suo figlio Giosuè vengono rinchiusi in un campo nazista. Guido dice al figlio che si trovano in un lager per partecipare ad un gioco a premi, dove chi fa più punti vince un carrarmato. In questo modo riesce a proteggere il figlio dall’orrore che stanno vivendo.

Nel 1997 raggiunge la consacrazione internazionale con l’acclamatissimo La vita è bella, il film che racconta la tragedia dell’Olocausto. La pellicola suscita un vero e proprio vespaio a causa dell’argomento trattato, in contrasto troppo stridente, secondo alcuni, con la comicità presente nel film. Benigni, figlio di un ex-deportato (Luigi Benigni fu deportato durante la guerra in un campo di lavoro nazista, ed il film si basa in parte sulle sue esperienze), difenderà sempre la sua scelta di trattare un tema così delicato con approccio diverso: la sceneggiatura tragicomica, in realtà, non fa altro che accentuare la drammaticità e la commozione di alcune scene, proprio grazie a questo contrasto.

Ne risulta una traduzione in fiaba, se si vuole, di una tragedia fino ad allora ritenuta “raccontabile” solo in modi rigorosi (come nel lungometraggio di Spielberg Schindler’s List); ma, proprio come una fiaba, il film di Benigni esorcizza quella che è una tragedia vera, e lo fa ponendo l’accento su un aspetto “tragico nella tragedia”, cioè dell’effetto devastante che essa può avere su un bambino. Nella pellicola è proprio il padre, impersonato dall’attore toscano, a salvare il destino e l’animo del figlio. Il film è la pellicola italiana ad avere riscosso maggiori incassi al cinema.

Trailer

Acquista DVD

Cosa ne pensi? Inviaci un commento

Ci teniamo alla privacy, la tua email non sarà MAI pubblicata o condivisa. I campi obbligatori sono indicati con *

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

or